-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Zingaretti: 'Mi auguro non esista l'ipotesi doppio forno'- Zingaretti vede Di Maio, scontro sul nome di Conte- E' morto Carlo Delle Piane- Concluso l'incontro Pd-M5s, Dem: nulla insormontabile-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

giovedì 26 giugno 2014

"TRIBUTO A FAUSTO BALASSONE E CLAUDIO D'ANGELO"

SULMONA - L'Associazione Fuori Orario in collaborazione con La Giostra cavalleresca e il Comune di Sulmona ha organizzato al Cinema Pacifico una manifestazione canora "Tributo a Fausto Balassone e Claudio D'Angelo".Il Segreto della Chitarra sta nelle corde che riesci a non suonare!...Una serata di musica rock e d’autore per ricordare due grandi artisti organizzata dagli amici e dai parenti.Sono stati diversi i gruppi locali che si sono esibiti ieri nel corso della manifestazione.

Dalla cover dei Pink Floyd al gruppo “Quell’astuta pompa di benzina” con cui Balassone collaborò per moltissimo tempo, gli Acquaragia, i Piranas, Resystem of a down e Centerba 72.I solisti come Michele Avolio, Marco Formichetti, Antonio Scarpetti, Alfredo Santella, Giuseppe Petrilli, Roberto Di Domenico e Maria Russo e molti altri.Erano due persone versatili, eclettiche,
poliedriche che spaziavano dalla pittura alla musica, dalla scultura alla fotografia in nome di una grande amicizia e fratellanza, unione e collaborazione."La musica sta nelle note che non riesci a suonare" diceva Balassone.Ieri  sera questi due artisti sulmonesi hanno accordato insieme a parenti e amici le corde della loro chitarre.
Fausto Balassone "predatore dell'arte perduta",  era nato nel 1953 a Sulmona, è morto lo scorso nevembre.Innestato nel corso del tempo in tutti i luoghi:Verona(dove si esibiva nel pianobar),Roma(come fotografo  di moda),Lione (pittore),  Palermo(come pescatore), Roccaraso (come d.j. ovvero colui che metteva i dischi nel 1971),nel 1972 in quel di Pescara  è nel gruppo misto Convergenze e musicista chitarrista nel gruppo neonato “la sorte del Cieco” ,nel 1975 collabora con il MALE  a Roma insieme a Sparagna e a Pazienza, dopo altri trenta mestieri lavoro' nelle ferrovie dello stato.Claudio d’Angelo, nato a Tripoli nel 1838 morì a soli 18 anni fa, dopo aver trascorso la sua vita dedicandola all’arte. Scoprì di essere malato di leucemia e si ritirò dalle scene nella sua abitazione circondato dall’affetto dei parenti e gli amici.








VIDEO IN PRIMO PIANO :