ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salvini: oltre questo governo ci sono solo le elezioni- Ue, Von der Leyen: sui conti monitoreremo Roma da vicino- Addio a Luciano De Crescenzo, l'ingegnere filosofo- Di Maio: 'La crisi non ci sarà'- 'Ndrangheta, colpo a cosca vicino Commisso- Andrea Camilleri è morto. Addio al grande scrittore-

news

News - Primo Piano

SUICIDIO CONTI: IL GIP, AVANTI CON LE INDAGINI

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 25 febbraio 2015

METANODOTTO:RANALLI"CON LA SNAM DURO CONFRONTO".ASSEMBLEA IL PROSSIMO 2 MARZO

SULMONA – “ E’ stato un duro confronto con la Snam. Cinque ore di dibattito acceso”.  E’ il commento del sindaco di Sulmona Peppino Ranalli.Il primo cittadino si è recato ieri nella capitale con i comitati, i comuni di Pratola Peligna, Popoli, L’Aquila e con la Comunità Montana per dare manforte alla Regione Abruzzo, presentando la fresca delibera di contrarietà urbanistica al progetto della Snam. “ La Regione ha formalizzato il diniego al progetto della Snam- annuncia Ranalli- e con i sindaci del territorio e i comitati cittadini ci ritroveremo in assemblea il prossimo 2 marzo alle 18 per decidere come continuare la battaglia”. 
“Abbiamo portato all'attenzione della conferenza oltre al tracciato Snam, ulteriori due opzioni: a tale riguardo la Snam ha mostrato la piu' netta chiusura ad ogni ipotesi di tracciato alternativo a quello Sulmona Foligno". Sono le parole dell’assessore regionale all’ambiente Mario Mazzocca, presente ieri a Roma in rappresentanza della Regione. "Abbiamo deciso - spiega l'assessore - di andare con una strategia comune, incentrata sostanzialmente sul fatto di non esprimere alcun assenso all'intesa sul progetto fino a quando non saranno sciolti i nodi relativi alla centrale di compressione di Sulmona e di trasferire contestualmente la discussione sul tavolo della Conferenza Stato Regioni". L'Abruzzo ha formalizzato il diniego all'intesa presentando la delibera di Giunta regionale del 20 febbraio scorso e le decisioni assunte nella riunione con i rappresentanti delle altre regioni nonche' il documento dei Comuni interessati che evidenzia il loro parere contrario sull'opera.

VIDEO IN PRIMO PIANO :