news

VIDEO IN PRIMO PIANO -34^EDIZIONE CONCORSO MARIA CANIGLIA

giovedì 8 giugno 2017

BCC PRATOLA PELIGNA: “ LE OPPORTUNITÀ DI INVESTIMENTO PER PRIVATI, IMPRESE E PROFESSIONISTI NEL 2017”

VIDEO
SULMONA - In sinergia con Iccrea Banca Impresa, la Banca Corporate del Credito Cooperativo, e con la collaborazione di Assilea, l’associazione di categoria delle società di leasing, la Banca di Credito Cooperativo di Pratola Peligna mette a diposizione delle comunità locali le proprie esperienze, i servizi finanziari e la consulenza specialistica sulle opportunità di carattere agevolativo e fiscale per cogliere prontamente le opportunità di sviluppo e crescita offerte dalla Legge di Bilancio 2017.Successo di presenze al convegno di ieri, all'Abbazia di Santo Spirito della Badia, dal titolo “ Le opportunità di investimento per privati, imprese e professionisti nel 2017”
Un incontro a supporto delle economie locali, percorso già intrapreso da alcuni anni, di informazione e formazione rivolto agli operatori economici del territorio, famiglie, imprese, enti pubblici e consorzi, clienti e non.“Oggi la Bcc si conferma la vera banca del territorio per il suo ruolo di crescita economico-sociale”- ha rimarcato con soddisfazione la Presidente dell’istituto di credito pratolano Maria Assunta Rossi. Sulla stessa lunghezza d’onda il Direttore Generale Silvio Lancione. “Abbiamo voluto fare cultura d’impresa e informazione d’impresa. Una giornata molto importante per il credito cooperativo”- fa notare Lancione. Al convegno hanno partecipato anche Daniele Carmine, Responsabile Area BCC Centro Sud Iccrea BancaImpresa SpA e Gianluca De Candia, Direttore Generale Assilea.









 La BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI PRATOLA PELIGNA, per dare concretezza alle misure agevolative del Governo, con particolare riferimento al “sismabonus” ha stanziato un plafond – MUTUO CASA SICURA - da destinare alla erogazione di prestiti a condizioni di particolare favore per la realizzazione dei lavori di adeguamento sismico degli immobili.

Questi i principali punti che sono stati trattati nel corso del convegno.
La Legge di Bilancio 2017 ha introdotto una nuova detrazione conosciuta come “sismabonus”. Per chi esegue interventi relativi all’adozione di misure antisismiche a decorrere dal 1° gennaio 2017 fino al 31 dicembre 2021 viene prevista una detrazione Irpef del 50%, ripartita in cinque quote annuali di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi. Il sisma bonus trova applicazione per interventi che si trovano nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2), ma anche agli edifici situati nella zona sismica 3 (in cui possono verificarsi forti terremoti ma rari). La detrazione sale al 70% se gli interventi realizzati permettono una riduzione del rischio sismico che determini il passaggio ad una classe di rischio inferiore, all’80% invece se dall’intervento derivi il passaggio a due classi di rischio inferiori. Se gli interventi relativi all’adozione di misure antisismiche sono realizzati sulle parti comuni di edifici condominiali, le detrazioni di imposta spettano, rispettivamente, nella misura del 75% quando si passa ad una classe di rischio inferiore e dell’85% quando si passa a due classi di rischio sismico inferiore.
La Legge di Bilancio 2017 (dal comma 8 al 13) ha previsto una serie di iniziative per rilanciare gli investimenti mettendo a disposizione delle imprese incentivi e risorse finanziarie per l’innovazione e gli investimenti in macchinari e impianti.
Al fine di sostenere il rinnovo dei beni strumentali, è prorogata fino al 31 dicembre 2017 la facoltà per imprese e professionisti di dedurre dal reddito quote di ammortamento fiscale maggiorate o maggiori canoni di leasing finanziario per i beni materiali strumentali nuovi, acquistati dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2017.
L’agevolazione, cosiddetta Super ammortamento, consiste in una maggiorazione del 40% del costo di acquisizione, con esclusivo riferimento alla determinazione delle quote di ammortamento o dei canoni di leasing (quota capitale) deducibili fiscalmente.
Per le imprese inoltre, per gli investimenti anche in locazione finanziaria, in beni strumentali nuovi funzionali alla trasformazione tecnologica e/o digitale in chiave Industria 4.0, è introdotta una maggiorazione del 150%, cosiddetto Iper Ammortamento.
Riapertura anche della Sabatini per Micro, piccole e medie imprese operanti su tutto il territorio nazionale per rinnovare gli impianti, acquistare nuove attrezzature, investire in hardware, software e tecnologie digitali. Ammessi tutti i settori produttivi, inclusi agricoltura, pesca e acquacoltura, trasporti. Il contributo copre parte degli interessi a carico dell’impresa sul finanziamento bancario/leasing ed è pari all’ammontare degli interessi calcolati su un piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali, al tasso del 2,75% annuo per cinque anni. Tra le novità la legge di Bilancio ha previsto anche la possibilità di accedere ad una maggiorazione del contributo del 30% se i beni rientrano nel programma Industria 4.0. e quindi investimenti in tecnologie compresi gli investimenti in big data, cloud computing, banda ultralarga, cybersecurity, robotica avanzata e meccatronica, realtà aumentata, manifattura 4D, Radio frequency identification (RFID e sistemi di tracciamento e pesatura dei rifiuti.
Per il Sud prosegue, inoltre, fino al 31 dicembre 2019 la possibilità di accedere al credito d’imposta sugli investimenti in beni strumentali impianti e attrezzature nuovi, anche mediante contratti di locazione finanziaria. Le imprese situate nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.









VIDEO IN PRIMO PIANO :