news

VIDEO IN PRIMO PIANO - INCENDIO SUL MONTE MORRONE

lunedì 12 giugno 2017

CAMPIONATO ITALIANO ARBITRI RUGBY: VINCE LA SEZIONE DI PESCARA. SULMONA AL SECONDO POSTO

SULMONA – La sezione degli arbitri di rugby Medio Adriatico di Pescara si aggiudica l’edizione 2017 del Campionato italiano dei direttori di gara della palla ovale, svoltosi a Sulmona al campo in località Incoronata. I pescaresi in finale hanno battuto gli arbitri di Sulmona per 5-0. L’evento ha riscosso particolare successo per la presenza di diversi arbitri della massima serie dell’Eccellenza, della Serie A ed anche internazionali. “Oggi festeggiamo il 23° Campionato italiano – afferma l’arbitro di Serie A della sezione Medio Adriatico Viorel Popescu – che rappresenta una manifestazione molto bella per il nostro settore”.
Il merito di aver fondato il torneo è da attribuire alla sezione di Roma, come spiega il responsabile degli arbitri laziali Pietro Mega: “Ho l’onore di essere uno dei co-fondatori insieme ad Enrico Materazzetti”. L’occasione è stata utile per fare il punto della situazione sul movimento arbitrale italiano. “Abbiamo già raggiunto buoni livelli – sostiene il componente della commissione nazionale Giovanni Morandin – anche se dobbiamo sempre cercare di migliorare ed è per questo che puntiamo molto sulla formazione”.
L’Abruzzo si pone all’avanguardia, come evidenzia il tecnico della Zona 4 Lazio-Abruzzo Emanuele Tomò: “Il livello di queste due Regioni cresce di anno in anno. Ci sono molti esempi di qualità come l’abruzzese Claudio Passacantando, arbitro internazionale fino al 2014 ed ora in Eccellenza oltre ad aver disputato molti tornei Seven”. Lo stesso Passacantando sottolinea le ottime affermazioni degli arbitri abruzzesi: “Abbiamo nuovi direttori di gara di valore come Daniele Odoardi della sezione di Pescara, Paolucci dell’Aquila e, a dimostrazione della crescita del movimento, molti di Serie A e B e di tutte le altre categorie”. Hanno partecipato le sezioni di fuori Regione Roma, Bologna e Padova e le tre abruzzesi L’Aquila, Pescara e Sulmona. Quella peligna da quest’anno si è rinvigorita per la presenza di nuovi direttori di gara come il capitano del Sulmona Rugby 1967 Stefano Casalvieri nella doppia veste di giocatore-arbitro: “Con i giovani della Serie C2 abbiamo ricreato la sezione perché alcuni erano venuti a mancare per motivi di lavoro e di studio. Molti giovani giocatori hanno avuto questa possibilità di fare l’arbitro e non si sono tirati indietro”. Tra loro Francesco Orsini che per studio si è dovuto iscrivere alla sezione di Torino. Avvincenti le partite che hanno visto in campo gli arbitri non per dirigere una gara ma per giocate: “Farsi arbitrare da altri arbitri – dice Giampiero Salvi della sezione dell’Aquila – è un problema ma il clima è divertente”. Le sei squadre, inserite in due gironi, hanno dato vita a gare da 7 minuti ciascuna. Nel raggruppamento A si sono qualificate Padova e Bologna ed in quello B Pescara e Sulmona che si sono sfidate in semifinali incrociate. Nella prima Padova ha battuto Bologna 12-0 e nell’altra Pescara ha sconfitto Sulmona 5-0. Gli arbitri pescaresi vincono dunque il titolo italiano, a seguire Sulmona (vice campione), Padova, Bologna, L’Aquila e Roma. A conclusione il classico terzo tempo, a coronamento di una giornata che rimarrà negli annali dello sport sulmonese.

VIDEO IN PRIMO PIANO :