-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Intesa tra curdi e Damasco: Truppe si muovono a nord- Morti 4 giovani, tornavano dalla discoteca- Nel foggiano: Uccide moglie e figlie e si suicida- Los Angeles Maxi incendio, 100mila evacuati e un morto-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

sabato 24 febbraio 2018

SCATTA LA PROTESTA DEI COMMERCIANTI. LUMINI FUORI I NEGOZI E SARACINESCHE ABBASSATE

SULMONA – I lumini fuori le attività commerciali, le saracinesche tutte abbassate e un corteo da piazza Carlo Tresca fino a Palazzo San Francesco. E’ questa la forma di protesta decisa ieri nella sede della Cna dalle associazioni di commercianti del centro storico che hanno detto basta alla concertazione. Per gli esercenti del salotto della città, guidati dall’associazione Sulmona fa Centro e dai vertici della Cna, è giunto il momento di scendere in campo con la protesta. La data scelta è quella di giovedì 1 marzo. Il raduno è fissato alle ore 9 in piazza Carlo Tresca dove si formerà il corteo che muoverà verso la sede Municipale. Lì i commercianti tenteranno di nuovo il confronto con gli amministratori di Palazzo San Francesco, ribadendo le loro proposte.
“Non vogliamo fare una protesta contro qualcuno ma solo in nostro favore”- intervengono dalla gremita assemblea- “siamo anche consapevoli che dalla protesta bisognerà poi passare alla proposta”. Gli esercenti chiederanno quindi al Comune interventi immediati per il decoro urbano, un progetto concreto per riportare uffici e servizi in centro, la rivisitazione degli orari della ztl fatta eccezione delle festività principali dell’anno. Appuntamento quindi al 1 marzo e nei prossimi giorni saranno affissi anche i manifesti in città per chiamare a raccolta più forze possibili alla manifestazione. Come segno simbolico della protesta gli esercenti hanno pensato anche a un lumino da mettere all’esterno delle attività. Come a dire che il centro storico- a detta loro e di molti- sta morendo.
 "Se la protesta dei commercianti servirà a ravvivare un dibattito cittadino e ricreare un fermento anche aspro e duro ma finalizzato a confrontarsi su delle proposte e delle azioni programmatiche ritengo che alla fine la protesta sarà un fatto estremamente positivo. Se al contrario ci si limiterà a protestare per portare avanti l’unica richiesta che mi è stata fatta ovvero aprire il centro storico 24 ore su 24 al traffico veicolare allora avremmo perso tutti. avrà perso la città"commenta l'assessore Cristian La Civita su facebook.

VIDEO IN PRIMO PIANO :