ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salute Marchionne peggiora. Mike Manley nuovo Ad Fca - Fca: oggi cda del gruppo, sul tavolo nodo Marchionne- Migranti: Open Arms arrivata in Spagna, nave a Palma - Fca: oggi cda del gruppo, nodo Marchionne- N'drangheta, trovate 26mila piante di canapa-

news

News - Primo Piano

GIOSTRA CAVALLERESCA, I CAPITANI LANCIANO LE SFIDE

VIDEO IN PRIMO PIANO -

venerdì 16 marzo 2018

TRASPORTI, COMITATO PENDOLARI:"LA REGIONE ABRUZZO STACCA LA SPINA ALLA VALLE PELIGNA"

"Dal primo aprile tagliate le corse bus Sulmona-Roma"
SULMONA - La Regione Abruzzo ha deciso di staccare definitivamente la spina a Sulmona e alla Valle Peligna. Dal primo aprile, infatti, il numero delle corse dei bus Tua con la capitale sarà ridotto, i tempi di percorrenza saranno allungati con la sosta ad Avezzano e il prezzo degli abbonamenti sarà raddoppiato. È evidente che si tratta di un mix di novità negative che ci costringeranno ad andare via definitivamente da questa città". Lo denuncia il Comitato dei pendolari della linea Sulmona-Roma, che ha invitato la nuova delegazione parlamentare, i sindaci e tutte le forze politiche a mobilitarsi nei confronti della Giunta regionale per fermare questo progetto. "Ancora una volta i giochi della politica sulla gestione delle società controllate dalla Regione si scaricano sulle spalle dei cittadini - spiegano i pendolari - chi ci dovrebbe rappresentare alla Regione si attivi subito e smentisca questo progetto. I sindaci, in primis, quello di Sulmona, non possono restare anche questa volta in silenzio e devono prendere subito una posizione forte e di contrasto contro chi all'Aquila e a Pescara non si batte per fermare il declassamento costante della nostra città che è ormai un deserto demografico e di servizi. La città va difesa e chi non è in grado di farlo deve farsi da parte - concludono i pendolari - si cambia una Giunta comunale al mese ma non si è mai parlato delle priorità dei trasporti: non esiste un terminal, non esiste una proposta per integrare gli abbonamenti ferro-gomma, non viene attivato il terminal autostradale di scambio e non esiste nemmeno più una biglietteria della Tua. Si parla solo di sciocchezze come la costosa bretella ferroviaria. Se non si cambia marcia al fianco di questo deserto culturale e di idee e ci sarà presto anche quello dei residenti".

VIDEO IN PRIMO PIANO :