ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Crolla balconcino, muore operaio 32enne- Mafia, 104 arresti per infiltrazioni clan in economia- Furgone investe fan a festival pop in Olanda, un morto- In coma da tre mesi partorisce bimbo - Forte terremoto ad Osaka, tre morti e 100 feriti- Migranti:Parolin,no tutto il peso su noi-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CELEBRAZIONE FESTA DELLA REPUBBLICA

lunedì 11 giugno 2018

CASTEL DI SANGRO: CARABINIERI FORESTALI CONTROLLANO I PRODOTTI ORTOFRUTTICOLI USATI COME MERENDA NEL PROGETTO “FRUTTA E VERDURA NELLE SCUOLE”

Sanzionate le Società vincitrici del bando di gara per non aver rispettato le norme igieniche previste in materia di stoccaggio e distribuzione degli alimenti alle scuole.
CASTEL DI SANGRO – Nei giorni scorsi, Carabinieri Forestali di Castel di Sangro hanno effettuato numerosi controlli sui prodotti ortofrutticoli del progetto Frutta e verdura utilizzati come merenda nella Scuola Primaria di Castel di Sangro, nell’ambito del programma promosso dall’Unione Europea, coordinato dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e svolto in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e il Ministero della Salute. I Carabinieri Forestali di Castel di Sangro hanno riscontrato che i prodotti erano confezionati in sacchetti di plastica per alimenti termosigillati
ma avevano le etichette carenti delle necessarie informazioni che avrebbero dovuto essere visibili e chiaramente leggibili, come previsto dalla legge, a tutela del consumatore. Inoltre, i Carabinieri Forestali hanno constatato che, oltre alla mancanza di dati fondamentali sulle etichette, i “Pomodori di IV gamma Bio” erano trasportati a temperature non consentite: al momento del controllo dei prodotti, prima dell’apertura del vano frigo, i militari verificavano che l’apparato di misurazione, posto all’interno dell’abitacolo del veicolo, registrava la temperatura di 17° C  anziché degli 8° C  massimi consentiti. Sulle etichette, i consumatori avrebbero dovuto leggere le informazioni previste dall’art. 18 del Reg. CE 17//2002 come:  il termine minimo di conservazione, se il prodotto  era stato  lavato e pronto per il consumo,  le modalità di conservazione, e la  data di scadenza entro la quale il prodotto alimentare conserva le sue proprietà specifiche. Inoltre veniva accertato che tutta la merce  riportava una data di confezionamento del 02 maggio 2015.  Le irregolarità emerse in materia di pacchetto igiene, sicurezza e trasporto degli alimenti, hanno portato i Carabinieri Forestale di Castel di Sangro alla contestazione e notifica, nei confronti delle società vincitrici del bando di gara, di n. 3 Verbali Amministrativi, per un importo pari ad €. 4.500, mentre, ulteriori indagini ed accertamenti si stanno effettuando per accertare eventuali responsabilità civili e penali, circa lo stoccaggio temporaneo in locali non idonei dei prodotti ortofrutticoli forniti poiché privi di tutti i requisiti generali in materia di igiene, previsti dalla normativa di riferimento e dalle disposizioni impartite dal Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali nelle linea giuda del programma.

VIDEO IN PRIMO PIANO :