ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salvini:'Il governo avanti nonostante le agenzie di rating'- Governo:Alta tensione tra Di Maio e Salvini sul condono fiscale- Salvini:Condono? Di Maio sapeva- Super Azzurre, 3-2 alla Cina, domani la finale per l'oro- Spread Btp/Bund a un passo da 340 Milano in calo-

news

News - Primo Piano

OVIDIANA SULMONA, DOMANI AL PALLOZZI ARRIVA LA CASOLANA

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 13 giugno 2018

SAN BENEDETTO DEI MARSI: I CARABINIERI ARRESTANO DUE CITTADINI MAROCCHINI E NE DENUNCIANO UN TERZO PER SPACCIO DI COCAINA

SAN BENEDETTO DEI MARSI - Nelle tarda serata di ieri 12 giugno 2018, i militari della Stazione Carabinieri di San Benedetto dei Marsi, coordinati dal Capitano Pietro Fiano, hanno tratto in arresto per spaccio di sostanze stupefacenti, A.T. 29enne e E.B.F 30enne ed hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Avezzano per il medesimo reato A.A., 24enne, tutti originari del Marocco.Due dei tre cittadini marocchini, già noti alle forze dell’ordine, venivano notati aggirarsi con fare sospetto lungo la SP 20 - Marruviana a bordo di un’autovettura francese.
Immediatamente fermati e controllati, venivano trovati in possesso di un involucro, abilmente occultato negli indumenti intimi, contenente gr.54 di sostanza stupefacente del tipo cocaina e di una somma di denaro pari a €.460 in banconote di vario taglio.
Le successive perquisizioni effettuate presso i rispettivi domicili permettevano di individuare un
terzo soggetto, anch’egli di origine marocchina, che occultava all’interno di un materasso un
barattolo con 12 bustine termosaldate contenenti complessivamente gr.15 di sostanza stupefacente
del tipo cocaina e la somma di €.275. Materiale idoneo al confezionamento e bilancini di
precisione, invece, venivano rinvenuti nascosti in un armadio. Tutta la sostanza stupefacente ed il
denaro, ritenuto provento dell’attività illecita è stato sottoposto a sequestro.
I due arrestati, dopo le formalità di rito, venivano tradotti presso la Casa Circondariale di
Avezzano ove rimarranno a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

VIDEO IN PRIMO PIANO :