ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Maturità 2019: Ungaretti e Sciascia tra i temi. Ma anche Dalla Chiesa- Conte: 'Dialogo sull'infrazione ma decisi sulla nostra linea'- Al via con la prova di italiano Ungaretti, Stajano e Sciascia- Tria sotto assedio del Carroccio- Mondiali 2022 in Qatar: Platini fermato per corruzione-

news

News - Primo Piano

NO HUB DEL GAS, "SIT- IN ANTI SNAM A SULMONA"

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 26 settembre 2018

"L’ASSOCIAZIONE CELESTINIANA ESPRIME APPREZZAMENTO PER IL LAVORO SVOLTO DALLA SINDACA DI SULMONA PER ORIENTARE PARTE DEI FONDI DEL MASTERPLAN DESTINATI ALL’ABBAZIA"

SULMONA - "Il sindaco Casini ha fatto propria la nostra preoccupazione sul fatto che il recupero dell’abbazia senza interventi sul territorio e sulle emergenze circostanti rischierebbe di renderla l’ennesima cattedrale nel deserto.La notizia diffusa ieri riguardo la concretizzazione dello stanziamento da 12 milioni di Euro per l’Abbazia Celestiniana di Santo Spirito a Morrone assume una importanza capitale per l’intero territorio.Non solo per gli interventi destinati ad una ulteriore fase di recupero del monumento, attualmente solo parzialmente fruibile ma, per quanto ci riguarda, per aver introdotto grazie alla proposta della sindaca di Sulmona, una variazione fondamentale rispetto a quanto previsto originariamente da Master Plan della Regione Abruzzo.
Ossia di utilizzare parte di quei fondi per valorizzare e recuperare anche le altre emergenze ricadenti in quella che a suo tempo definimmo “l’area celestiniana del Morrone”: l’eremo di S. Onofrio, l’area dello Chalet, il tempio di Ercole Curino, il Campo 78.In altre parole l’Associazione Celestiniana è fiera di veder riconosciuto nei fatti il senso di un ragionamento che nacque con un progetto di valorizzazione dell’intera zona sotto il nome di “Quinto – il distretto dello Spirito” già nel 2010 e del quale, sia pure tra molti immotivati contrasti e vicissitudini, tre diverse consiliature hanno fatto proprio il senso e i contenuti.La stessa Anna Maria Casini era presente al convegno proprio su questo tema, da noi voluto nel 2011, nel corso del quale si mise a dimora un seme che – di certo per deplorevoli e per noi dannosi ritardi –  ora tenta ostinatamente di germogliare.Quindi, nel ribadire orgogliosamente la paternità di questa impostazione ormai ampiamente condivisa anche dall’opinione pubblica sulmonese e peligna, ci preme di dar atto pubblicamente dell’efficace lavoro svolto dalla sindaca e della coerenza che ha finora manifestato rispetto agli impegni pubblicamente assunti in questa direzione.Fin da ora esprimiamo la più ampia disponibilità a collaborare con l’amministrazione comunale e con tutti i soggetti, pubblici e privati, che vorranno lavorare affinché questo grande progetto di valorizzazione culturale e turistica segni un punto di svolta per il futuro di Sulmona e della Valle Peligna".

Giulio Mastrogiuseppe
(Presidente)

VIDEO IN PRIMO PIANO :