-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Arcelormittal: Inchiesta anche a Taranto Pd-M5s divisi sullo scudo- Milano indaga su Mittal, scontro sullo scudo penale- Venezia, peggiora previsione.Oggi attesa marea di 160 cm- Mittal, oggi l'incontro al Mise. Entro 15/1 altiforni spenti-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 27 febbraio 2019

CENTRALE SNAM: "LA TUTELA DELLA SALUTE NON E’ UNA COSA SERIA!"

SULMONA - "Chi fino ad oggi credeva che la tutela della salute dei cittadini fosse basata su criteri rigorosamente scientifici si metta l’animo in pace. Non è così. O meglio non è così quando si tratta della centrale Snam. Lunedì 25 febbraio si è tenuta a Bazzano la riunione istruttoria conclusiva della Conferenza di Servizi per lo studio della qualità dell’aria in relazione alla centrale di compressione che la Snam intende realizzare in località Case Pente. Lo studio dovrebbe avere la durata di un anno prima della costruzione della centrale e di due anni dopo l’entrata in funzione della stessa. Alla Conferenza hanno preso parte i dirigenti dell’ARTA Abruzzo (Agenzia Regionale per la Tutela dell’Ambiente), della ASL di Sulmona e della Snam. Ad essa ha partecipato anche una rappresentanza dei Comitati cittadini e dei Medici per l’ Ambiente. Assente, invece, la Sindaca, i tecnici del Comune di Sulmona e i rappresentanti del Settore Energia della Regione.I rappresentanti dei Comitati e dei Medici hanno chiesto perché le centraline da collocare (a cura della Snam) sarebbero solo due e perché i siti prescelti sono quelli del Cimitero e del Campo Sportivo Mezzetti. La risposta che è stata fornita è che due centraline sono più che sufficienti e che quelli sono i siti messi a disposizione dal Comune di Sulmona; con buona pace del rigore scientifico che esigerebbe che i siti delle centraline fossero scelti tenendo conto delle aree di maggiore concentrazione delle sostanze inquinanti; ma anche con buona pace delle prescrizioni V.I.A. (Valutazione di Impatto Ambientale) che parlano non di due centraline, ma di una “rete di monitoraggio”; e ancora con buona pace dei cittadini degli altri Comuni della Valle Peligna, ai quali viene negato il diritto di conoscere in che misura l’aria che respirano sarà inquinata dalle emissioni nocive della centrale Snam.
Lo studio del clima è un problema complesso, tanto che per definire i caratteri climatici di un luogo, l’Organizzazione Meteorologica Mondiale richiede un periodo di osservazione di almeno trent’anni. Nel caso della Valle Peligna, che ha caratteristiche orografiche e meteo climatiche particolari, non esiste nessuno studio al riguardo e per rimediare, la Snam si avvarrà di modelli matematici partendo dai dati registrati da due stazioni climatologiche lontane da Sulmona, situate una nel Fucino e l’altra a Pescara. Ma per poter determinare i punti di massima concentrazione degli inquinanti, dove si devono effettivamente collocare le centraline di misurazione della qualità dell’aria, è necessario comparare i dati che scaturiscono dal modello matematico previsionale con i dati effettivamente rappresentativi dell’area oggetto di studio; diversamente i risultati prodotti non sarebbero affidabili.
Occorre, quindi, installare almeno una stazione meteo che misuri le componenti del clima della Valle Peligna, in primo luogo le caratteristiche anemologiche, ovvero la velocità e direzione dei venti. La durata di acquisizione dei dati da parte della stazione meteo dovrebbe essere tale da produrre almeno un anno meteorologico “tipo”. Solo dopo sarà possibile individuare i punti in cui installare le centraline. Invece, si consente alla Snam di collocare subito le due centraline per la misurazione della qualità dell’aria, in siti non predeterminati in base ad inoppugnabili criteri scientifici e di affiancare ad esse una stazione meteo che dovrebbe funzionare in contemporanea con le stesse centraline! Come può un simile modo di procedere produrre dati attendibili? Ma si sa, alla Snam, che ha fretta di bruciare i tempi per costruire la centrale, tutto è permesso. Come dimostra l’atteggiamento compiacente e subalterno tenuto da tutti i Governi che si sono succeduti sino ad oggi (Berlusconi, Monti, Letta, Renzi e Gentiloni). L’auspicio è che l’attuale Governo operi diversamente segnando una netta discontinuità con i precedenti.
Sulle conclusioni della Conferenza di Servizi, infine, visto che non vi ha partecipato, sarebbe utile conoscere il pensiero di Annamaria Casini che, oltre che Sindaca di Sulmona, è anche la massima autorità sanitaria del nostro territorio".

                           Comitati cittadini per l’ambiente – Medici per l’ambiente Valle Peligna



Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :