ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salvini attacca: 'Troppe opere bloccate dal Mit'- Incendio doloso: Caos treni, pista anarchica.Ritardi fino a quattro ore. Tilt treni tra Roma e Firenze- Incendiata cabina elettrica- Salvato l'alpinista italiano ferito in Pakistan, è in ospedale- Alpinista italiano ferito in Pakistan 'Moavero ci aiuti'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

mercoledì 27 febbraio 2019

PUNTO NASCITA, CASINI:"È NECESSARIO UN INCONTRO CON IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE MARCO MARSILIO, ALLA PRESENZA DEL CONSIGLIERE REGIONALE DEL TERRITORIO MARIANNA SCOCCIA"

SULMONA - “È necessario un incontro con il Presidente della Giunta regionale Marco Marsilio, alla presenza del Consigliere regionale del territorio Marianna Scoccia la quale, come mi ha già garantito, si farà parte attiva per assicurare il futuro del Punto nascita di Sulmona. Non c’è più tempo per le discussioni e non accetteremo scuse su eventuali indietreggiamenti in merito alla salvaguardia del Punto Nascita dell’ospedale di Sulmona, che serve un vasto territorio montano. La Regione deve ottenere ora la deroga così come dichiarato in campagna elettorale”. E’ quanto afferma il sindaco Annamaria Casini, la quale ribadisce “è necessario che si chiarisca se il nostro Punto nascita sia tra le priorità della Regione e se l’azienda abbia intenzione di potenziarlo garantendone così un futuro.
Senza dimenticare” aggiunge il sindaco “l’intenzione annunciata durante la campagna elettorale dal Ministro Giulia Grillo di voler lavorare con le Regioni per la rimodulazione dei Punti nascita. Nella prossima riunione del Comitato Ristretto dei Sindaci, incentrata sul Piano Strategico 2019/2021, rimarcherò  proprio questo, dato che tra i punti all’ordine del giorno si discuterà anche della carenza cronica di personale medico presso la UOC di Ginecologia e Ostetricia del nosocomio dell’Aquila non menzionando il nostro reparto.
E’ urgente provvedere ad un incremento adeguato anche della Pianta Organica del reparto di ostetricia e ginecologia di Sulmona, che registra un numero di medici di ruolo insufficienti, una situazione di precariato del personale infermieristico e la necessità di sostituire entro marzo il responsabile, prossimo alla pensione. Va migliorata, inoltre, la dotazione del reparto stesso di adeguati  macchinari e strumentazioni, oggi obsoleti o inesistenti, per poter svolgere al meglio tutti gli altri servizi di tipo ginecologico. Bisogna agire concretamente adesso per garantire la salvaguardia del punto nascita dell’ospedale di Sulmona che non dev’essere sacrificato in diatribe politiche regionali o a favore di altri presidi”.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :