ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Europee: Rush finale. Sfida Di Maio-Salvini- Francia: Esplosione in centro Lione, 8 feriti. Macron: 'Un attacco'- Salvini e gli scontri a genova 'Basta con le aggressioni a poliziotti e carabinieri'- Brexit: May in lacrime 'Mi dimetto'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 11 marzo 2019

AMBIENTE E MAGISTRATURA, IL 15 MARZO TAVOLA ROTONDA A ROCCARASO. L’INCONTRO PROMOSSO DA UNICOST

ROCCARASO - Una riflessione sul ruolo della magistratura nell’azione di tutela dell’ambiente, in una prospettiva di dialogo e di confronto con istituzioni, imprese, associazioni ambientaliste, rappresentanti dei territori, nella consapevolezza che solo un'assunzione condivisa di responsabilità potrà consentire una risposta adeguata ed efficace. Sarà questa la traccia sulla quale, venerdì 15 marzo a partire dalle 15 nella sala “Spataro” del Comune di Roccaraso, si svilupperà la tavola rotonda “Ambiente, Magistratura e Società”. Un confronto, promosso da Unicost Abruzzo, che sarà concluso dal Segretario generale del Ministero dell’Ambiente, della Tutela del territorio e del mare, Silvana Riccio, e che vedrà un prestigioso parterre di relatori.Ci saranno, fra gli altri, il presidente dell’Associazione nazionale magistrati, Francesco Minisci, il Sostituto Procuratore generale della Corte di Cassazione, Pasquale Fimiani, il presidente dell’Ispra, Stefano Laporta, il presidente del Parco nazionale Gran Sasso Monti della Laga, Tommaso Navarra,
il vice presidente del Wwf Italia, Dante Caserta, e il responsabile ambiente, area politiche industriali di Confindustria, Marco Ravazzolo.“Oltre naturalmente al prestigio e all’autorevolezza dei relatori che ascolteremo con grande attenzione durante la tavola rotonda, siamo interessati a confrontarci sulle strade da seguire per favorire lo sviluppo sostenibile dei territori – ha spiegato il sindaco di Roccaraso, Francesco Di Donato – sono convinto che la tutela organica dell’ambiente e lo sviluppo armonico del territorio non siano certamente due rette parallele. Bisogna però adottare strumenti amministrativi incisivi affinchè tutto ciò avvenga realmente, nel rispetto delle norme e in tempi rapidi per dare una risposta di efficienza anche al tessuto produttivo”.

Nessun commento:

Posta un commento

VIDEO IN PRIMO PIANO :