ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Commissione Europea: Von der Leyen all'esame del voto- Alitalia, Ferrovie sceglie Atlantia- Savoini non ha risposto a pm Di Battista: "Salvini bugiardo"- Huawei investirà in Italia 3 miliardi di dollari in tre anni-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 16 aprile 2012

DODICESIMA EDIZIONE DEL FREEDOM TRAIL

(video partenza freedom trail 2011 clicca qui)
SULMONA - In 700 il prossimo 27 aprile per tre giorni ripercorreranno il Freedom Trail Sulmona-Campo di Giove-Taranta Peligna, Casoli) quel sentiero della libertà che da Sulmona, durante la seconda Guerra Mondiale, attraversando il Guado Di Coccia sulla Majella, portava a Taranta Peligna e a Casoli. Ieri una via di fuga per i numerosi prigionieri di guerra anglo americani, soldati italiani e giovani che si schieravano dalla parte degli Alleati per liberare l'Italia. Oggi una lezione per le nuove generazioni materialmente sulle orme del passato, una riflessione
e metafora del cammino a difesa di valori come libertà, pace e solidarietà. A presentare la dodicesima edizione, organizzata, come dagli esordi ogni anno, dal Liceo Scientifico Fermi di Sulmona e dall’Associazione culturale “Il sentiero della Libertà-Freedom Trail” (di concerto con i Comuni di Sulmona, Campo di Giove e Taranta peligna), questa mattina il preside Massimo Di Paolo e la professoressa Adelaide Strizzi, anima del Freedom planner, insieme alle funzionarie della soprintendenza Bsae. Notevole, dunque, l'incremento di partecipanti (500 nel 2011), tra cui alle vecchie conoscenze tra simpatizzanti, liceali e affezionati, si aggiungono new entry come 3 inglesi, 2 olandesi e gruppi da 50 studenti da liceo di Brescia e Roma, due classi dal Galilei di Pescara e liceali fiorentini. "Siamo contenti dell'aumento, abbiamo superato i margini di possibilità" ha affermato soddisfatta la Strizzi, spiegando che "per la prima volta abbiamo dovuto chiudere le iscrizioni per scadenza termini e disponibilità di alloggi". Un evento culmine di studi e preparazioni che per i ragazzi del Fermi dura tutto l'anno. "Si va al di là della ricostruzione storica perchè il Freedom Trail, che coinvolge tante associazioni, costruisce rapporti. Nasce in una scuola" dichiara Di Paolo "ma crea una rete che supera l'approccio scolastico assumendo significato sosciologico". Una manifestazione importante per Sulmona, che affascina e prende piede ogni anno di più, con l'auspicio che possa crescere ancora. Un trekking di tre giorni in 20 chilometri ognuno, con la memoria del passato nel cuore, come omaggio alla storia, all’eroismo di quegli abruzzesi che da Casoli costituirono la Brigata Majella e lottarono al fianco degli alleati, contribuendo alla liberazione della nostra terra, in cui persero la vita 55 giovani (quasi tutti ventenni).
Il programma 2012 prevede una tavola rotonda il 25 aprile "aspettando il Freedom trail" in cui si parlerà della prima edizione del concorso dal titolo che non ha nulla di politico, ma sociologico: "resistere".

In  occasione della marcia internazionale si svolgerà un incontro (mercoledi 18 aprile ore 17 polo museale diocesano Santa Chiara) di approfondimento del periodo storico riguardante la resistenza e la liberazione, intitolato "L'esercito per la guerra di liberazione" in cui relazionerà il capoufficio storico dell'esercito, colonnello Antonino Zarcone.
Il 2 maggio la cerimonia di consegna (ore 11 30 liceo Fermi) delle Borse di studio "Roberto Cicerone"
Pronto anche il nuovo  "quaderno di viaggio", divenuto un mini-volume, con pagine dedicate al passato e presente, ai protagonisti della Resistenza umanitaria, da Scocco a Cicerone, da Pistilli a Iride Imperoli-Colaprete, Del Greco, Santacroce, William Di Carlo e alle memorie dei prigionieri di guerra , oltre alle esperienza dell'anno precedente.

"Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dov’è nata la nostra costituzione, andate nelle montagne dove caddero i partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati. Dovunque è morto un italiano per riscattare libertà e la dignità, andate lì o giovani col pensiero, perché lì è nata la nostra costituzione”. In queste parole di Piero Calamandrei si copglie il senso del Freedom Trail.
Il raduno è previsto alle ore 8 al Liceo scientifico e alle 9.30 appuntamento in piazza XX Settembre, con il saluto delle autorità. Alle 10 la marcia prenderà il via direzione Campo di Giove dove si svolgerà la cerimonia con deposizione della corona al monumento ai caduti. Sabato 28 si punterà a raggiungere Taranta peligna e domenica 29 l'arrivo a Casoli. Rientro con 10 autobus a Sulmona. g.s.


VIDEO IN PRIMO PIANO :