-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Calano malati e decessi: Da domani i test sierologici- Tensione ad Hong Kong Cariche e scontri, 150 arresti- A Napoli lungomare bloccato 'Notte di follia fino alle 4'- In Lombardia oggi 441 contagiati in più di ieri- Cancelleri contro Atlantia: 'Un ricatto, via concessione'- I contagi in calo ovunque: 'Rt' è pomo della discordia- Rt sotto 1 in tutte le Regioni 130 morti nelle ultime 24 ore-

news

Post in evidenza

CORONAVIRUS: ABRUZZO, DATI AGGIORNATI AL 24 MAGGIO. CASI POSITIVI A 3226, +5

PESCARA - In Abruzzo, dall’inizio dell’emergenza, sono stati registrati 3226 casi positivi al Covid 19, diagnosticati dai test eseguiti ne...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 23 giugno 2014

"POPOLI E LA VALLE PELIGNA NEGLI ANNI DELLA GUERRA"GIOVEDI' 26 GIUGNO CONVEGNO

POPOLI - Giovedì 26 giugno dalle 17.00 alle 19.00 presso la sala biblioteca del comune di Popoli, si terrà l'incontro e la presentazione di due libri sul tema:"Popoli e la Valle Peligna negli anni della guerra 1943-44. Resistenza militare e resistenza umanitaria"interverranno il prof. Costantino Felice, docente di storia economica presso l'università D'Annunzio di Chieti e il prof. Mario Setta, insegnante di storia e filosofia presso il liceo scientifico Fermi di Sulmona.Il primo presenterà il suo libro "Dalla Maiella alle Alpi. Guerra e resistenza in Abruzzo" edito da Donzelli, mentre il prof. Setta il libro di memorie, di cui è stato redattore, dal titolo "Un pranzo di erbe" di John Verney, prigioniero di guerra inglese detenuto nel campo 78 di Fonte d'Amore a Sulmona.
Nel 2014 ricorre un triste anniversario: il centenario dell’inizio della Prima Guerra Mondiale e forse non tutti sanno che a pochi km da Popoli fu costruito un campo di prigionia nella piccola frazione di Fonte d’Amore vicino Sulmona, campo di concentramento per i prigionieri della prima guerra mondiale (1915-1918), al quale durante la seconda guerra mondiale (1940-1945) fu assegnato il n. 78 in base alla numerazione che i tedeschi diedero a tutti i campi di concentramento presenti sul territorio italiano.Il campo 78 divenne così luogo di detenzione dei prigionieri alleati anglo-americani, catturati prevalentemente nella campagna d’Africa.

VIDEO IN PRIMO PIANO :