-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - I Gruppi Misti e Leu: 'Governo di legislatura'- Crisi aperta, furia di Conte contro Salvini. Le consultazioni al via al Quirinale dalle 16- Sequestrata la Open Arms, i migranti sbarcati a Lampedusa- Pm: 'Sequestrare la Open Arms ed evacuare i profughi a bordo'- Conte al Senato annuncia le dimissioni. Salvini: 'Rifarei tutto quello che ho fatto'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

sabato 30 maggio 2015

ISAL:TAGLIO DEL NASTRO A SULMONA DELLA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE SUL DOLORE CRONICO

(video)
SULMONA - Si è svolta questa mattina a Sulmona, all'Abbazia Celestiniana di Santo Spirito al Morrone, la cerimonia di presentazione della Scuola Europea di Alta Formazione di Terapia del Dolore.La Scuola di Sulmona è stata intitolata al professor Giovanni Leonardis, abruzzese, scomparso quattro anni fa, padre della Terapia del Dolore in Italia.Parterre d'eccezione con la presenza di numerosi parlamentari,  Vittoria D'Incecco, Paola Pelino, Stefania Pezzopane, il vescovo di Sulmona-Valva Angelo Spina, il presidente della provincia dell'Aquila Antonio De Crescentiis, il sindaco di Sulmona Peppino Ranalli e il presidente del Parco della Majella Franco Iezzi.Padroni di casa il Prof.Gianvincenzo D'Andrea, promotore dell'iniziativa, il Prof.William Raffaeli, direttore della Fondazione Isal Onlus - Istituto di Scienze Algologiche e il Dott.Alberto Leonardis.In Italia circa 12 milioni di persone soffrono di dolore cronico.
Solitamente si e' portati a pensare che questo problema riguardi soltanto i malati di tumore, ma al contrario sono tantissime le patologie afflitte da dolore persistente come l'emicrania cronica, la endometriosi, herpes zooster (fuoco di Sant'Antonio), esiti di interventi chirurgici. I dati Ue - sostiene l' Isal - parlano chiaro: siamo negli ultimi posti in Europa nel consumo pro-capite di farmaci analgesici oppioidi e cannabinoidi, anche se i dati lasciano intravedere una nuova tendenza promettente per il loro uso corretto; in contrasto con questa scarsa appropriatezza farmaceutica siamo al primo posto nel consumo pro-capite di farmaci Fans, ovvero antinfiammatori non steroidei; l'uso prolungato di questi ultimi pero', oltre a essere meno efficace in gran parte delle malattie dolorose croniche , puo' produrre gravi danni a carico dell'apparato digerente, al fegato, oltre ad aumentare il rischio di insufficienza renale e di complicazioni cardiovascolari (ictus, infarto miocardico).A prodigarsi per la divulgazione della terapia del dolore, degli aspetti scientifici e delle applicazioni cliniche, e' proprio l'Isal che da anni si occupa della ricerca scientifica ma soprattutto della formazione dei medici. Attualmente, l'80 per cento degli specialisti italiani che operano nei Centri di Terapia del Dolore si e', infatti, formato presso la sede di Rimini dell'Istituto di scinze algologiche. Ed e' proprio per proseguire ed ampliare tale attivita' che Isal, in particolare grazie al vice presidente della Fondazione, professor Gianvincenzo D'Andrea, ha deciso di aprire una sede in Abruzzo per portare avanti un progetto di formazione europeo, con corsi in lingua italiana e inglese, rivolto a medici di tutta Europa.Soddisfazione è stata espressa da D'Andrea, al termine della manifestazione, per la notevole presenza registrata.
                     (video intervista Gianvincenzo D'Andrea)







VIDEO IN PRIMO PIANO :