ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - A Cagliari vince il centrodestra, Truzzu sindaco- Ha la maglia 'antifascista', gli rompono il naso- Affondo di Bagnai: C'è il rischio di un atteggiamento mafioso dell'Ue- Pasquale Grasso si dimette dalla presidenza dell'Anm-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 26 settembre 2016

PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE MONTEFIORE 6^ EDIZIONE, UN ALTRO PREMIO ALLA BIOGRAFIA DI TONY DEL MONACO

Ancora un premio assegnato alla biografia sul cantautore sulmonese  Tony Del Monaco scritta da Giancarlo Colaprete e Fernando Fratarcangeli
SULMONA - E’ inarrestabile il successo di “Tony Del Monaco – Un artista in punta di piedi”, la biografia scritta da Giancarlo Colaprete e Fernando Fratarcangeli  e prodotta dal Nomadi Fans Club “Un giorno insieme” di Sulmona per ricordare il grande cantautore peligno.Infatti, dopo Firenze, Pontremoli e Cattolica, concorsi letterari a carattere internazionale, il palmares si arricchisce di un altro riconoscimento, il quarto conseguito fuori Abruzzo, questa volta al Premio Letterario Internazionale Montefiore 6^ Edizione 2016,
patrocinato dalla Regione Emilia Romagna, dalla Provincia di Rimini e dal Comune di Montefiore Conca (Rimini).
Domenica 25 settembre il libro, che ripercorre tutte le tappe della vita artistica dell’interprete di brani memorabili quali  “La voce del silenzio” e “Una spina e una rosa”, si è guadagnato il 3° posto assoluto conseguito nella categoria A “Narrativa e Saggistica edita” durante la serata di premiazione tenutasi nell’affollato Teatro Malatesta del Comune di Montefiore Conca.  Il premio, un trofeo di pregio, è stato ritirato da Giancarlo Colaprete direttamente dalle mani del Presidente  dell’Associazione Culturale Pegasus Cattolica, Roberto Sarra, alla presenza di personaggi del mondo della letteratura e della cultura.

Quest’anno le opere in concorso sono state più di 850 di cui molte provenienti da Spagna,  Germania e Inghilterra.

Gli autori si sono dichiarati molto soddisfatti per questo successo che l’opera sta incontrando presso la critica, la stampa specializzata, gli appassionati di musica degli anni ’60 e ‘70, ma non solo. I punti di forza sono costituiti dalle preziose interviste rilasciate da Massimo Ranieri, Gianni Morandi, Beppe Carletti dei Nomadi, Iva Zanicchi, Orietta Berti, Paolo Mengoli, Gabriele Cirilli, Gianni Nazzaro, Andrea Lo Vecchio, Rocco Meuti, Antonella Bucci, Mauro Mengali degli O.R.O., i 5 dell’88, dal ricchissimo corredo documentale con più di 800 foto quasi tutte a colori nonché dall’indice analitico degli argomenti che ripercorre tutti gli ambiti della vita professionale del cantautore nato a Sulmona il 27 dicembre 1935 e scomparso il 27 maggio 1993 a soli 57 anni. La narrazione, poi, per la sua fluidità e chiarezza, rende assai piacevole ed interessante la lettura.
A fare da naturale corollario vi è l’eccellente sito internet www.tonydelmonaco.it, con il quale  Colaprete e Fratarcangeli hanno voluto raggiungere gli estimatori del cantante ovidiano in ogni parte del mondo.

Il sito è stato voluto per raccogliere la ponderosa rassegna stampa relativa al periodo 1958/2016 (più di 200 pagine scaricabili in pdf), ma è stato pensato anche per ricomprendere  nelle sue articolate sezioni materiale discografico e d’archivio rinvenuto dopo la data della pubblicazione del libro. Emozionante se non poetica la sezione “Qui sono nato”, in cui viene proposto un florilegio di immagini del capoluogo peligno (monumenti, piazze e paesaggi) tra cui spicca la foto del Boeing Alitalia che fece rotta in tutta Europa per circa venti anni con il logo “Città di Sulmona” riprodotto sul fianco della cabina di pilotaggio.  Da non perdere infine, tra le altre perle preziose, il docufilm realizzato sapientemente dal regista Donato Tulliani in occasione della presentazione del volume alla Stampa, in anteprima nazionale, nei famosissimi Trafalgar Recording Studios di Roma il 22 ottobre 2015.Particolare curioso: la biografia sulla vita di Tony Del Monaco è stata concorrente con opere provenute, come detto, anche da Spagna, Germania e Inghilterra nei cui rispettivi idiomi egli cantò con piena padronanza di espressione linguistica i suoi maggiori successi.

VIDEO IN PRIMO PIANO :