news

News - Primo Piano

INCIDENTE SUL PONTE SAN PANFILO, AUTO SBANDA E ESCE FUORI STRADA

VIDEO IN PRIMO PIANO - gigi d'alessio a sulmona - conferenza stampa

domenica 18 giugno 2017

DI GIANDOMENICO:"I RESIDENTI DI VIA TURATI NON SANNO PIÙ COSA FARE, SONO SFINITI E DEMOTIVATI. VI PREGO DI INTERVENIRE CON ESTREMA URGENZA"

SULMONA - Alberto Di Giandomenico, coordinatore del Movimento Italica, torna sulla messa in sicurezza di via Filippo Turati e fa appello all’assessore regionale alle aree interne, Andrea Gerosolimo, perché sia mantenuto l’impegno preso, nel 2015, dal presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, per stanziare i fondi necessari a mitigare il dissesto idrogeologico in città e così garantire i lavori per la messa in sicurezza della strada da troppi anni nel degrado e in bilico su una scarpata.“Siamo ancora qui su via Turati così come qualche mese fa quando abbiamo posto all’attenzione dell’amministrazione comunale il disagio dei residenti di questa strada abbandonata e nel degrado.
Le nostre segnalazioni rimangono inascoltate per questo insistiamo nel chiedere la messa in sicurezza della via a ridosso di una scarpata senza alcun tipo di intervento per contenere i rischi che corrono passanti e residenti – continua il coordinatore di Italica – Chiediamo all’amministrazione comunale di sollecitare nuovamente il presidente D’Alfonso, se non sia stato già fatto, anche perché il 23 luglio 2015 D’Alfonso ha inviato una lettera all’ex sindaco di Sulmona, Giuseppe Ranalli, impegnandosi a finanziare con una cifra cospicua, circa 500 mila euro, gli interventi necessari a contenere il dissesto idrogeologico di questo comune, includendo nei lavori proprio via Turati. Chiedo al sindaco Annamaria Casini d’intervenire e soprattutto all’assessore regionale alle aree interne, Andrea Gerosolimo, chiedo di dare seguito alla lettera e all’impegno preso con l’ex sindaco Ranalli dalla Regione a guida D’Alfonso – conclude il presidente del Movimento Italica - I residenti di via Turati non sanno più cosa fare per essere ascoltati, sono sfiniti e demotivati. Vi prego di intervenire con estrema urgenza”.

 Alberto di Giandomenico.

VIDEO IN PRIMO PIANO :