ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Salvini attacca: 'Troppe opere bloccate dal Mit'- Incendio doloso: Caos treni, pista anarchica.Ritardi fino a quattro ore. Tilt treni tra Roma e Firenze- Incendiata cabina elettrica- Salvato l'alpinista italiano ferito in Pakistan, è in ospedale- Alpinista italiano ferito in Pakistan 'Moavero ci aiuti'-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

lunedì 29 ottobre 2018

"LA TAP (GASDOTTO TRANS ADRIATICO) SI FARÀ, COSTA TROPPO RINUNCIARE AL PROGETTO SNAM: LA MAGGIORANZA PENTALEGHISTA TRADISCE ELETTORI E CITTADINI"

SULMONA - Per il “Governo del cambiamento” la Tap (gasdotto trans adriatico) si farà, costa troppo rinunciare al progetto Snam: la maggioranza pentaleghista tradisce elettori e cittadini, nonostante abbia affiancato associazioni ambientaliste, istituzioni e cittadini nella battaglia contro la realizzazione del Metanodotto anche nel nostro territorio. Attendo ancora una risposta dal Ministro Sergio Costa per un incontro, richiesto oltre un mese fa, e mi aspetto onestà intellettuale da chi oggi deve giustificare queste scelte incoerenti con quanto promesso in campagna elettorale e dannose per un territorio come il nostro a forte rischio sismico, che da anni ne manifesta contrarietà su tutti i fronti attraverso atti e documenti”. E’ quanto afferma il sindaco Annamaria Casini. “A dicembre scorso mi dimisi in segno di protesta contro il vile Decreto del Governo Gentiloni, che, alla vigilia di Natale, autorizzò la realizzazione a Sulmona della Centrale di compressione gas.
Fu un gesto estremo il mio, per urlare l’indignazione di un’intera comunità che rappresento, al quale seguì la mobilitazione dei sindaci dell’area interna abruzzese,  il ricorso al Tar presentato dal Comune di Sulmona, un altro ad adiuvandum dai sindaci del territorio, poi dalla Regione Abruzzo e uno dei Comitati e  associazioni ambientaliste. Il fronte del no scese in piazza ad Aprile, marciando in una grande manifestazione partecipata. Successivamente sono state inviate al Ministero richieste di approfondimenti scientifici sul rischio sismico, si è  tenuto un incontro con il Presidente dell’Ingv e il Mise, per effettuare nuove verifiche sulle aree interessate dall’opera della Snam, alla luce degli ultimi terremoti nella nostra zona, dato che dalla Valutazione di Impatto Ambientale è passato troppo tempo. Sono state avviate, poi, le procedute per far partire il monitoraggio dell’aria, in sinergia con Arta Abruzzo. Abbiamo continuato a chiedere al nuovo Governo di esprimersi politicamente su questo progetto, esplicitando una posizione netta in merito ad una politica energetica sostenibile che salvaguardi le aree interne fragili, da preservare dal punto di vista ambientale. Ora apprendiamo la sconcertante notizia che la Tap si farà perché costa troppo rinunciare al progetto” prosegue il sindaco Annamaria Casini.  “A questo punto ritengo sia urgente definire una piattaforma complessiva di confronto tra le istituzioni locali e le attuali forze di maggioranza al Governo non solo in merito al progetto Snam, ma anche  al Tribunale di Sulmona, alla sicurezza delle nostre autostrade, al punto nascita nell’ospedale peligno, alla sanità, allo sviluppo della nostra area montana, per conoscere quale sia la loro reale idea per il futuro del nostro territorio e chiedere azioni coerenti e conseguenti”.

VIDEO IN PRIMO PIANO :