-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - La movida divide i sindaci scontro sugli assistenti civici- A Pompei ecco il mistero della piccola Mummia- Accordo sulla scuola, il concorso dopo l'estate- Calano malati e decessi: Da domani i test sierologici- Tensione ad Hong Kong Cariche e scontri, 150 arresti- A Napoli lungomare bloccato 'Notte di follia fino alle 4'- In Lombardia oggi 441 contagiati in più di ieri-

news

Post in evidenza

INIZIATI I LAVORI PER LA ROTATORIA DI PRATOLA PELIGNA

PRATOLA - Presente all’inizio dei lavori il delegato alla viabilità, Luca Rocci, il dirigente del settore viabilità della provincia, Ing. ...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 27 gennaio 2012

FIALS PROPONE RIUNIRE UFFICI E SERVIZI ASL NELL'EX CASERMA PACE

SULMONA - Adibire ex caserma Pace, che ora ospita il polo universitario sulmonese, a centro unico in cui concentrare uffici amministrativi e ambulatori Asl. E' la proposta avanzata dalla segreteria provinciale Fials Confsal come soluzione alla problematica sulla riorganizzazione di sedi dislocatiein diversi punti della città
come il poliambulatorio in via Gorizia,  il servizio acquisti di via Cappuccini, altri in piazza Micarelli, Sert e Servizio Veterinario in viale Stazione, Sede DSB Peligno a viale Mazzini e servizi Amministrativi in via Porta Romana. Questa soluzione, secondo Mauro Incorvati, segretario provinciale "apporterebbe un notevole risparmio sugli affitti, minori disagi per l’utenza, migliore e più fluida organizzazione tra gli stessi Servizi. Ecco, dunque, che suggerisce all’amministrazione comunale di Sulmona "di valutare e perorare seriamente tale ipotesi, in relazione, soprattutto, alle “delicate” dinamiche riorganizzative

che nella mondo della sanità sono in atto, che necessitano di proposizione anche da parte dei territori. Inoltre, per quanto riguarda la Cucina  del P.O. di Sulmona" afferma Inconrvati "suggeriamo al direttore generale della Asl una soluzione che a noi appare percorribile, ossia quella di  affiancare alla struttura ospedaliera oggi esistente una struttura mobile che, in attesa della costruzione del nuovo nosocomio, permetterebbe  il mantenimento del servizio in spazi idonei e consentirebbe, altresì,  di attivare una mensa per i dipendenti".

VIDEO IN PRIMO PIANO :