news

VIDEO IN PRIMO PIANO - ARRIVO A SULMONA DELLA STATUA DI SANTA MARIA DI LORETO

martedì 13 dicembre 2016

FURBETTI DEL CARTELLINO: CORTE DEI CONTI INVIA NOTIFICHE DI DANNO ERARIALE. PROCEDE INCHIESTA PENALE DELLA PROCURA

SULMONA – Tempi duri per i dipendenti comunali di Palazzo San Francesco indagati per assenteismo. Ieri in 25 si sono visti recapitare la notifica della Corte dei Conti per danno erariale. Gli atti sono stati emessi dalla Procura dell’organismo con funzioni giurisdizionali e amministrative di controllo e vigilanza sulle entrate e spese pubbliche all’interno del bilancio dello Stato. Secondo alcune indiscrezioni presto arriveranno altre notifiche. Viaggia invece su un altro binario l’inchiesta penale aperta dalla Procura della Repubblica di Sulmona
dopo le indagini condotte dalla Guardia di Finanza. Sarebbero 46 su 102 gli impiegati comunali coinvolti nell’inchiesta sull’assenteismo a palazzo San Francesco, quasi la metà della totalità della pianta organica. Nelle immagini delle telecamere nascoste delle Fiamme Gialle gli impiegati vengono ripresi al bar, a fare shopping o la spesa durante l’orario di ufficio; mentre altri sono stati sorpresi a timbrare più cartellini per volta. “Dalla Procura della Repubblica non ho avuto ancora nessun nome dei dipendenti comunali indagati per presunto assenteismo, dopo la formale richiesta spedita a suo tempo”. A ribadirlo è il sindaco di Sulmona Annamaria Casini. “Non intendo fare alcun pressing”- chiarisce subito il primo cittadino- “è fondamentale che le indagini vadano avanti fino alla loro conclusione perché si faccia piena luce sul caso. Una volta ottenuti i nomi noi seguiremo la norma”. I nomi in realtà sul tavolo del Comune arriveranno solo a conclusione dell’inchiesta quando la Procura, a norma del codice di procedura penale, farà le comunicazioni di legge ai vertici di Palazzo San Francesco. Una prassi che è stata annunciata dal Procuratore Capo della Repubblica di Sulmona Giuseppe Bellelli, che ha promesso tempi rapidi per la conclusione delle indagini. Sulla vicenda dei furbetti del cartellino si dovrà esprimere anche l’ufficio disciplinare del Comune. Da Palazzo San Francesco, grazie alla convenzione stipulata con l’unione dei Comuni dell’Emilia Romagna, avranno a disposizione anche una task force di esperti che non interverrà solo e soltanto per le sanzioni disciplinari. Nel frattempo va avanti l’iter per riorganizzare gli uffici del Municipio. Una strada che l’amministrazione Casini intende imboccare a prescindere dalle indagini in corso.

VIDEO IN PRIMO PIANO :