news

News - Primo Piano

TIR SI RIBALTA SULLA SR5 TRA RAIANO E CORFINIO, FERITO L'AUTISTA

VIDEO IN PRIMO PIANO - ARRIVO A SULMONA DELLA STATUA DI SANTA MARIA DI LORETO

martedì 27 dicembre 2016

PACENTRO: PRESEPE VIVENTE 2016. CONSUETO SUCCESSO

PACENTRO - A Pacentro, splendido Borgo Medievale inserito tra i "Borghi più belli d'Italia", nel Parco Nazionale della Maiella, si è svolta ieri la XIX rappresentazione del "Presepe vivente: a Pacentro come a Betlemme". La rievocazione si è snodata lungo le suggestive viuzze del paese fino a raggiungere la zona adiacente al Castello. L'ambientazione è molto suggestiva.
Il piccolo borgo medievale si è aperto come ogni oanno al visitatore come un autentico presepe e presso le piccole botteghe artigianali è stato possibile acquistare ed ammirare ogni tipo di produzione locale. Inoltre, il visitatore ha potuto degustare i prodotti tipici della tradizione preparati dalle sapienti massaie pacentrane.La manifestazione è un vero mix di religiosità, sapori, odori e atmosfere di altri tempi.

Una rappresentazione vissuta all’insegna della riflessione e del raccoglimento con una folta presenza di giovani, la folla che come al solito ha fatto da cornice, le antiche botteghe riaperte, i prodotti tipici in mostra. Incassa un altro successo il Presepe Vivente di Pacentro, organizzato anche quest’anno dalla Pro Loco con il patrocinio dell’amministrazione comunale, giunto all’edizione numero diciannove. Si va dalle botteghe della sarta, dell’intagliatore, del fabbro, dei “mammuccije” (statuine del presepe) alle locande nelle quali si sono potuti degustare prodotti castagne, dolci, pizze, gnocchi. Un percorso suggestivo tra le zone più antiche e rievocative del borgo. La rappresentazione è partita da piazza Umberto I ed è poi transitata per via del Colle, approdando nel Castello Caldoresco dove è stata allestita la grotta della natività. Emozionatissima Alessia Garofalo, la giovane pacentrana nei pani della Madonna. San Giuseppe era Andrea Angelilli, il fratello del sindaco Guido. Come da tradizione l’ultimo nato del Comune, Antonio Caraccia, ha impersonato il Bambinello. “Un Presepe quest’anno che ha un valore di riflessione che ci fa riflettere sull’essenza del Natale”- ha detto il primo cittadino Guido Angelilli- ricordando Fabrizia Di Lorenzo, la 31 enne di Sulmona morta tragicamente nell’attentato di Berlino. Per il Presidente della Pro Loco Panfilo Tollis “la manifestazione può dirsi riuscita, soprattutto per il crescente numero di giovani coinvolti nell’organizzazione”. Un segnale di speranza e ottimismo per il futuro.












VIDEO IN PRIMO PIANO :