ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Donna morta a Catania, forse omicidio- Papa, basta sangue in Nicaragua- Trovata fossa comune in Siria, potrebbero esserci 200 corpi- Governo, Di Maio: 'Con la Lega si può fare un buon lavoro'- Bocciatura per 3 dei bulli di Lucca -

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - SULMONA: MANIFESTAZIONE NO SNAM

domenica 17 dicembre 2017

E' SCOMPARSO IL POETA OTTAVIANO GIANNANGELI, UN GIGANTE DELLA CULTURA ABRUZZESE

RAIANO –  Se ne è andato in punta di piedi, allo stesso modo di come entrava nella vita delle persone, questa mattina alle 4.30 all’età di 94 anni. Ad annunciarlo è il nipote Raffaele Giannantonio. La carriera del poeta, nato a Raiano il 20 giugno del 1923, prende inizio dagli studi compiuti a Firenze. Dal 1964 inizia il lungo percorso dell’insegnamento. Prima al liceo classico D’Annunzio di Pescara. Poi all’università D’Annunzio, facoltà di Lingue, dapprima come assistente e poi come professore associato di letteratura italiana moderna e contemporanea. Sarà, infine, fino al 1993, professore “fuori ruolo”. In questo periodo ha formato generazioni di studenti, che ancora oggi lo ricordano con gratitudine, come maestro inflessibile e coltissimo, pronto a gettare fasci di luce moderna sulle esigenze culturali di quegli anni.
Giannangeli è stato ed è un poeta di grande spessore, in dialetto e in lingua. Tra le sue opere in versi “Canzoni del tempo imperfetto”, “Poesia come sedativo”, “Antologia poetica/in lingua ed in dialetto”, “Lu libbre d’Ottavie”. Ma è stato anche critico e saggista (“Pascoli e lo spazio”, “Metrica e significato in D’Annunzio e Montale” (con una lettera autografa di Montale); “D’annunzio e l’Abruzzo, “Scrittura e radici”). Organizzatore culturale creatore di riviste, fondò a Sulmona “Dimensioni”, poi trasferita a Lanciano, intorno alla quale si raccolse un cenacolo formato da Sgattoni, Rosato, Pansa, Clemente e altri. Fu anche uno dei fondatori e ispiratori della “maggiolata abruzzese”.
Giannangeli premiato all'ultima edizione del "Premio Sulmona"

Un insieme di manifestazioni folcloristiche, tra le quali la tanto amata “Sagra delle ciliegie” della sua Raiano, che ancora oggi ha nel suo programma annuale una sua poesia, a commento dei fatti degli ultimi anni. È anche romanziere (“Sposare una”) e commediografo (“Quattro chiacchiere con Dante”). Inutile dire che il territorio peligno perde un altro gigante della cultura. Il feretro del professore sarà esposto nella biblioteca di casa Giannangeli a Raiano in via Mazzini 70. La funzione funebre si svolgerà in Santa Maria Maggiore a Raiano domani alle 15:00.
Raiano: il Comune ha proclamato il Lutto Cittadino per i funerali del nostro concittadino Ottaviano Giannangeli.L' Amministrazione Comunale ha deciso di proclamare il Lutto Cittadino per lunedi 18 dicembre 2017 in occasione dei Funerali del nostro concittadino e, con questa proclamazione disporra la messa a mezz'asta delle bandiere presso le sedi comunali ed invita i titolari delle attivita produttive del centro e dei cantieri aperti lungo il percorso del corteo funebre ad esprimere la loro partecipazione mediante la sospensione dell'attivita e tutti i cittadini ad essere vicini al dolore della famiglia.


VIDEO IN PRIMO PIANO :