-ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Italia libera dal lockdown: Tutte le regioni riaprono- Salgono i contagi, 318 in più: Sono 8 le regioni senza casi- Proteste in Usa, altri 2 morti Trump: 'Mobiliterò l'esercito'- Mattarella: 'Crisi esige unità, responsabilità, coesione'- 'Serve uno sforzo comune, non ci si può dividere ora'- 'Il virus non esiste più': Zangrillo crea un caso- Floyd, sesta notte di incidenti:Tafferugli alla Casa Bianca-

news

Post in evidenza

ABRUZZO, MONTAGNA: GIORNATA IMPEGNATIVA PER L’ELISOCCORSO, 4 INTERVENTI IN POCHE ORE

L'AQUILA – Giornata impegnativa per le eliambulanze del 118 di L’Aquila e Pescara, che ieri sono intervenute in ben 4 operazioni di so...

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

sabato 31 marzo 2018

METANODOTTO SNAM, PARLAMENTARI ABRUZZESI M5S:"È DEL TUTTO EVIDENTE CHE L'ATTUALE GOVERNO DIMISSIONARIO NON HA ALCUNA LEGITTIMAZIONE A PROSEGUIRE L'ITER AUTORIZZATORIO"

SULMONA - I parlamentari abruzzesi del M5S hanno inviato una nota 
alla Presidenza del consiglio dei ministri - Dipartimento per il coordinamento amministrativo ROMA."Spett.le Presidenza del consiglio dei ministri Dipartimento per il coordinamento amministrativo ROMA.Da notizie di stampa si apprende che il capo Dipartimento per il coordinamento amministrativo e la struttura di supporto che opera nel settore dell'attuazione, in via amministrativa, delle politiche del Governo ha convocato in data 4 Aprile 2018 il confronto conclusivo sull'iter riguardante l’istanza di autorizzazione alla costruzione ed esercizio dell’opera denominata “Metanodotto Sulmona-Foligno DN 1200 (48”)”.
Tale riunione, si presume, sarebbe indetta al fine di avviare a conclusione il processo di autorizzazione del metanodotto attraverso l'individuazione di una soluzione politica condivisa tra le amministrazioni coinvolte ed in particolare con la Regione Abruzzo che, con la Delibera di Giunta Regionale n.132 del 20 febbraio 2015, ha espresso il diniego all'intesa avverso l'adozione positiva dell'atto conclusivo del procedimento dell'opera sopra citata. A tal proposito i firmatari ritengono che a pochi giorni dalla notizia delle dimissioni del Presidente del Consiglio Gentiloni sia doveroso sollevare dubbi sulla legittimità procedurale che riguarda qualsiasi atto del Governo conseguente ad un atto politico. Infatti, a seguito delle dimissioni sopra citate, il Governo rimane in carica solo per il disbrigo degli affari correnti, cioè di atti indifferibili ed urgenti e, quindi, estranei all'esercizio dell'indirizzo politico.
In questo caso non siamo di fronte all'esercizio di affari correnti o indifferibili, bensì trattasi di una procedura attivata per porre rimedio, attraverso una decisione necessariamente politica, al diniego di una delle amministrazioni coinvolte, ovvero Regione Abruzzo.
Si rammenta che da pochi giorni si è insediato il nuovo Parlamento, in seguito alle elezioni politiche del 4 marzo 2018 che ha determinato uno scenario politico sicuramente differente dal precedente.
È del tutto evidente, quindi, che l'attuale Governo dimissionario non ha alcuna legittimazione a proseguire l'iter autorizzatorio di un'opera dichiarata strategica in quanto il presupposto di ogni attività di Governo è l'iniziale fiducia accordata dalle Camere.
Si chiede, quindi, di non procedere alla riunione del 4 Aprile 2018 e rimandare ogni atto al prossimo Governo che ottenga la fiducia del Parlamento".
I parlamentari abruzzesi del M5S

VIDEO IN PRIMO PIANO :