ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Crolla balconcino, muore operaio 32enne- Mafia, 104 arresti per infiltrazioni clan in economia- Furgone investe fan a festival pop in Olanda, un morto- In coma da tre mesi partorisce bimbo - Forte terremoto ad Osaka, tre morti e 100 feriti- Migranti:Parolin,no tutto il peso su noi-

news

VIDEO IN PRIMO PIANO - CELEBRAZIONE FESTA DELLA REPUBBLICA

mercoledì 2 maggio 2018

NUTRITA PARTECIPAZIONE DELLA UIL ABRUZZO ALLA MANIFESTAZIONE DEL 1 MAGGIO A PRATO

PRATO - Sono stati tanti gli abruzzesi che hanno partecipato alla manifestazione del primo Maggio a Prato.A guidare la nutrita compagine della Regione verde d'Europa è stato Michele Lombardo e molti  componenti delle due Camere Sindacali Territoriali.Il tema di quest'anno " sicurezza:il cuore del lavoro" si sposa molto bene con i principi ai quali si ispira la Uil da sempre. Ogni giorno contiamo tantissimi infortuni sul lavoro frutto di un qualcosa che chiaramente non va e  al quale neanche  le  normative assai stringenti presenti in Italia riescono a tapparne le falle.
Sulmona ed Avezzano, realtà tra le più falcidiate dalla crisi del lavoro, non  hanno fatto mancare il loro grido di disperazione portando in piazza tutti i loro rappresentanti.Mauro Nardella(Uil CST Adriatica-Gran Sasso), Ernesto D'Eliseo e Maurizio Sacchetta (Coordinamento Uil CSZ Sulmona), Roberto Pizzacalla (Uilm) della Valle Peligna, unitamente a Fabrizio Truono( Segretario Generale CST Adriatica-Gran Sasso), Gianfranco Stringini e Deborah Del Fiacco da Avezzano si sono stretti attorno al palco dove i tre leader dei sindacati confederali Carmelo Barbagallo(Uil), Susanna Camusso e Annamaria Furlan hanno parlato alle decine di migliaia di persone intervenute.

La speranza in un futuro migliore nell'ambito del lavoro è sempre viva. L'auspicio che la stessa non lasci troppo facilmente il passo alla disperazione resterà sempre il primo obiettivo da parte di chi, come i rappresentanti Uil che oggi hanno lasciato la firma in una Prato simbolo della festa dei lavoratori di quest'anno, fanno della politica di miglioramento delle condizioni dei lavoratori il modello al quale continuamente ispirarsi.

Il segretario CST Adriatica-Gran Sasso Mauro Nardella.


VIDEO IN PRIMO PIANO :