ULTIM'ORA NAZIONALI

ULTIME NOTIZIE - Alitalia, Ferrovie sceglie Atlantia- Savoini non ha risposto a pm Di Battista: "Salvini bugiardo"- Huawei investirà in Italia 3 miliardi di dollari in tre anni- Affondo di Conte su Salvini: 'Scorrettezza istituzionale'- Roma, sgombero di una ex scuola-

news

News - Primo Piano

GIOSTRA CAVALLERESCA E ANFFAS, INAUGURATO NEGOZIO IN CORSO OVIDIO

VIDEO IN PRIMO PIANO - CENTROABRUZZONEWS

venerdì 28 settembre 2018

SCANNO: FIRMATO IL CONTRATTO PER I LAVORI SULLA “CIRCUMLACUALE”

SCANNO - Firmato questa mattina il contratto per i lavori di risanamento del movimento franoso sulla S.P. n. 82  “Circumlacuale di Scanno” al km. 1+450. A renderlo noto il Presidente della Provincia dell’Aquila Angelo Caruso e il consigliere delegato alla viabilità Gianluca Alfonsi. L’importo contrattuale di aggiudicazione, al netto dell’Iva e oneri per la sicurezza, è pari a 163.145,04 €. La ditta che eseguirà i lavori è la D.F.C. Costruzioni srl con sede in Minturno (Latina) che avrà 180 giorni per realizzarli, per cui, il tratto stradale interessato, potrà essere percorribile presumibilmente entro la prossima primavera. Ricordiamo che l’arteria, nel 2014,  fu interessata da uno smottamento dell’intera sede stradale su cui si è intervenuto con un provvedimento di somma urgenza, mediante la realizzazione di micropali, che consentì la riapertura in senso unico alternato.
La Provincia dell’Aquila  - dichiara il consigliere delegato alla viabilità Gianluca Alfonsi – attraverso l’impegno costante e quotidiano con le comunità locali, ha il dovere di sostenere con ogni mezzo e risorsa disponibile lo sviluppo dei territori che, come per Scanno, rafforza le attitudini di un territorio a prevalente vocazione turistica. Da 4 anni non si interveniva  su questa importantissima carrabile che rappresenta – dichiara il Presidente Angelo Caruso – una delle direttrici più affascinanti del territorio del Parco. L’inizio dei lavori sulla “circumlacuale” restituisce, alle numerose attività sorte lungo il perimetro del bacino, la tranquillità di poter accogliere turisti e residenti in sicurezza godendo, tra l’altro, della fruibilità della ciclopedonale che fiancheggia strada e lago.

VIDEO IN PRIMO PIANO :